www.circolocalogerocapitini.it

EVENTI

TITOLO

Elezioni Regionali 2005

 

Paolo Fasce Ufficio Stampa Radicali di Sinistra Liguria www.radicalidisinistra.it

DATA

28/03/2005

LUOGO

Genova

Radicali di sinistra - Liguria
libertari, laici, ecologisti
www.radicalidisinistra.it

Luigi Fasce
portavoce Radicali di Sinistra Liguria
liguria@radicalidisinistra.it

Vico Sant'Antonio 5/3a - 16126 GENOVA
Tel/fax 010 8312946 - cell. 3391904417
e-mail: luigi@fasce.it


Presa visione del Programma per le Elezioni regionali di Claudio Burlando candidato per l'Unione ala presidenza della Regione Liguria, che sostanzialmente condividiamo e sosteniamo, proponiamo alcune utili integrazioni che ci auguriamo vengano prese in considerazione

1. riforme liberali
2. Riforme sociali
3. Sicurezza stradale
4. Viabilità e parcheggi


1. riforme liberali


- Ri-formare lo statuto regionale sulla base del principio della centralità del Parlamento regionale.

La riforma richiesta a livello regionale è esattamente l'equivalente a quanto viene richiesto dal Comitato "Salviamo la Costituzione" a proposito della riforma (anti)costituzionale berlusconiana che assegna tutto il potere al capo dell'esecutivo esautorando completamente il Parlamento delle sue specifiche funzioni. Ovvero la netta separazione dei poteri che la Costituzione del 47 gli attribuisce e garantisce.

Diversamente da Province e Comuni che svolgono mere funzioni amministrative alla Regione viene attribuita attualmente la piena competenza legislativa.
Siccome l'elezione diretta del Governatore e la supremazia completa del Governatore sul Consiglio è già stata sancita dallo Statuto regionale recentissimamente approvato in Regione Liguria anche con il voto panerai replica dell'opposizione (salvo il Consigliere Nesci di Rifondazione Comunista) ed è con tale Statuto e Legge elettorale che si andrà alle prossime elezioni, in caso di vittoria del Centro sinistra occorre un deciso ripensamento in proposito, riproponendo un più equilibrato bilanciamento dei poteri tra Consiglio e Presidente dell'Ente Regione Liguria. Si richiede pertanto formale l'impegno programmatico nella prossima legislatura per riconsegnare al Consiglio regionale la piena autonomia e iniziativa per lo svolgimento delle specifiche funzioni legislative assegnate all'Ente Regione.

La Regione oltre alla funzione legislativa, deve svolgere soltanto funzioni di programmazione, coordinamento e controllo.
L'Ente Regione non deve più trattenersi illegittimamente delega alcuna - a partire dall'istruzione professionale - che viene assegnata a seconda delle competenze agli Enti Locali: Province e Comuni.

Conseguentemente la Regione non svolge alcuna impropria attività propagandistica (rasenta se non è già abuso di potere!) dell'Ente, né campagne promozionali omega replica nei confronti degli Anziani (regalare computer o altro), tutte attività di competenza degli Enti Locali.


- Impegno per Cultura civica

Legge e progetto finanziato per l'attivazione da parte dei Comuni nei consigli di circoscrizione di corsi di educazione civica, conoscenza della Costituzione, promozione della democrazia partecipata e di forme di e-democracy.


- Promuovere e tutelare i diritti civili



2. Riforme sociali

- Promuovere e tutelare i diritti sociali

a) diritto all'istruzione
Recupero della funzione scolastica formatrice di base della personalità del cittadino: conseguente revisione dell'organizzazione scolastica abbandonando la concezione aziendalistica e competitiva, ma salvaguardando autonomia d'insegnamento e sfoltendo gli apparati sovrastrutturali lasciati in eredità dai Decreti delegati procedendo a riformare profondamente l'organizzazione, sburocratizzando e semplificando procedure e valorizzando soprattutto le competenze psicologiche del personale insegnante che devono sempre accompagnarsi alla capacità pedagogia e didattica.

b) diritto alla salute:
Legge regionale di riforma del servizio sanitario integrato con i servizi sociali con al centro il primato della persona.

c) Qualità della vita dell'anziano
Creazione di uno specifico Assessorato "Qualità della vita dell'anziano" Politiche di autonomizzazione e progettualità creativa dell'anziano in campo professionale, culturale, artistico e sportivo e ricreativo.


3. Sicurezza stradale

Attuazione di una legge sull'educazione alla sicurezza stradale (con al centro il fattore umano causa predominante dell'incidentalità stradale) e l'istituzione dell'osservatorio regionale dell'educazione alla sicurezza stradale e rilevamento incidentistica stradale con sedi operative nelle quattro Province, con sede principale a Genova.


4. Viabilità e parcheggi

Attuazione di un piano viabilità che promuova una adeguata rete di parcheggi di cornice intorno ai grandi centri cittadini




Socio fondatore del Gruppo di Volpedo e del Network per il socialismo europeo .