www.circolocalogerocapitini.it



Luigi Fasce e libro

Presentazione del libro: Quale politica per le riforme. Bussola per un orientamento a sinistra di Luigi Fasce

Un nuovo libro utile all'orientamento politico e alla comprensione delle posizioni delle varie formazioni che pare abbiano perso quel cemento ideologico che rimane alla base di ogni scelta sociale. Quale società vogliamo costruire con la politica? Quale regole dobbiamo trovare per una comunità davvero rivolta all'evoluzione umana? E' vero che le ideologie non ci sono più o hanno perso la loro funzione aggregante delle formazioni politiche? Dove stiamo andando? Soprattutto cosa succede oggi in Italia e nel mondo? Il libro: 'Quale politica per le riforme? Una bussola per un orientamento a sinistra' di Luigi Fasce - edito da Biblion edizioni- cerca di dare risposte concrete a queste domande.

Spesso ci accaloriamo in discussioni sull'origine delle crisi e sui metodi e le strade per uscirne; Luigi Fasce va al nocciolo: le sue risposte e analisi hanno il dono della sintesi...la sinistra esiste e dovrebbe ritrovare la sua anima: un'anima che si trova nella Costituzione italiana e nello spirito liberalsocialista.

Il libro che si apre con una presentazione di Felice Besostri e la prefazione di Giorgio Boratto, contiene nella prima parte un glossario completo dei vari termini politici che vanno dal Discorso sulle ideologie al capitolo alla Torre di Babele dei linguaggi, passando su Religioni e Laicità. Un aspetto didattico importante.

SCHEDA DEL LIBRO

Quale politica per le riforme? Una bussola per un orientamento a sinistra

Biblion edizioni

Autore Luigi Fasce

Pag. 201 – Brossura – Euro 12

PER ACQUISTARE

Formato e-book, EPUB del libro: Quale politica per le riforme - Bussola per l'orientamento a sinistra, € 4,99

http://www.hoepli.it/ebook/quale-politica-per-le-riforme/978889849017E.html

abstract sul sito di hoepli.it

Dopo una sintetica ma efficace esposizione sulla complessità delle ideologie confrontate con i modelli economici di riferimento, Luigi Fasce mette a fuoco la centralità del Lavoro, del ruolo dello Stato e del primato del potere politico rispetto a qualsivoglia potere economico privato. In sintesi, per l'autore, il modello economico previsto dalla Costituzione italiana e declinato in senso ecologista è l'unica alternativa possibile rispetto all'attuale dramma sociale e ambientale prodotto dal modello capitalista e neoliberista. Un modello che ha generato drammatiche conseguenze che la società, non solo italiana, sta pagando e pagherà, senza poter intervenire modificando istituti e trattati internazionali. In rapida successione Fasce delinea spunti, idee e riflessioni per continuare a credere in un mondo diverso e alternativo all'odierno sistema economico-politico.

Il link di kobo.it per tutti i diversi formati digitali:

https://store.kobobooks.com/it-IT/ebook/quale-politica-per-le-riforme

INDICE

====00000====

INDICE
Presentazione 5
Prefazione 7

Parte prima. Destra o Sinistra. La rosa dei valori 11

Premessa 13
Discorso sulle ideologie 17
Ideologie, capi carismatici e masse conniventi 21
Totalitarismi della modernità 22
Le religioni orientali 30
Laicità e religioni 33
Puntualizzazioni su stato laico e stato etico 35
La secolare lotta tra potere temporale e potere spirituale 37
I legami tra religioni, potere politico e potere economico 41
Chiese protestanti 41
Chiese islamiche, potere politico e potere economico 41
Conflittualità e adattamento della Chiesa cattolica al capitalismo 42
Sul fronte religioso poche speranze di pace 45
La torre di Babele dei linguaggi 57
Demagogia, populismo e qualunquismo sono sinonimi? 60
Le vicissitudini politiche in Italia 71
Terza fase di transizione del Governo di Centro-sinistra (1989-1994) 77
I partiti in coalizione del Centrodestra al Governo della II Repubblica 78
I partiti in coalizione del Centrosinistra al governo della II Repubblica 79
Prima fase della II Repubblica (1994-2008) 81
Epilogo della II Repubblica 87
Considerazioni conclusive 89

Parte seconda. Il lavoro: stella polare della sinistra 93

Premessa 95
Breve storia del capitalismo (liberismo) europeo 101
La prima mutazione neoliberista (plutocrazia) del capitalismo/liberismo 103
Lavoro e capitale: dalla "confusività" alla conflittualità 105
Un po' di filosofia: è il lavoro la base del diritto naturale alla proprietà 105
Un po' di storia 106
Il cammino dei lavoratori 113
Dal Movimento dei lavoratori alla nascita dei partiti Socialista e Comunista 113
Evoluzione conflittuale dei modelli economici 115
I modelli di economia esistenti nel ventennio che prelude la seconda guerra mondiale 115
Tutto si lega 122
La lotta di classe vinta dalla "Cupola neoliberista mondiale" 125
Il Sindacato 131
Strategia del consenso 133
Qualche interpretazione del fenomeno 133
Il lavoro come ideologia fondata sui bisogni della persona umana 138
Homo oeconomicus o homo faber? 140
Psicologia e funzione sociale del lavoro 141
Centralità del lavoro e il modello di economia previsto dalla Costituzione italiana 142
La Costituzione tradita 151
I vuoti della Costituzione riempiti da leggi ordinarie 153
Batter moneta 153
Stili di vita: sessualità e droga 156
Conclusioni 163

Parte terza. Uno sguardo sul mondo 165

Breve premessa 167
Gli organismi internazionali 169
Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU). Scopi e principi 170
Imperialismo globale 173
L'agonia economico-finanziaria degli USA179
Insostenibilità ambientale 187
Un mondo di bombe atomiche 189
Considerazioni problematiche conclusive 191
A livello mondiale 191
In Europa 194
In Italia 195
Bibliografia e Sitografia 198

-===0000===-


Quarto Stato e art. 1 costituzione italiana

Manifesto per l’Area Laica, Liberalsocialista, Ecologista

Noi, eredi e propugnatori delle grandi tradizioni liberal-socialiste e repubblicane, affermiamo che la volontà di costruire una società più giusta e più libera chiama all’appello il nostro impegno civile declinato in scelte di indirizzo, chiare non meno che strategicamente orientate. Valori morali che si attualizzano in azioni concrete.

Visualizza l'intero manifesto

Marianna simbolo della libertà